martedì 14 ottobre 2014

Il "BANCHETTO DA ORAFO"

Buonasera a tutti!
Sono giorni che sto lavorando a un progetto che tra un po' vi svelerò..:)
 Intanto per ora ho deciso di iniziare così spiegandovi passo per passo cos'è e come si usa il
 "BANCHETTO DA ORAFO"
Il banco da lavoro è il più adatto per lavorare oggetti di massima precisione. Questo perchè il piano è fatto in modo da lasciare molto spazio attorno all'appoggio (che vedremo tra poco) e consente di utilizzare gli attrezzi nel modo più libero che si desidera senza nessun impedimento.


Il banco classico permette di lavorare a schiena dritta e permette di appoggiare i gomiti sul piano di lavoro così da poter lavorare bene sullo "STOCCO".




Lo STOCCO sporge dal centro della rientranza verso lo sterno di chi siede, è un cuneo rettangolare di legno duro ed è su questo che avvengono le lavorazioni vere e proprie. Lo stocco offre un ripiano di lavoro orizzontale lungo circa 10 cm e largo circa 7 cm, adatto a lavorare di seghetto; può venire estratto, rovesciato e reinserito in modo da presentare l'altro ripiano che invece di essere orizzontale è inclinato ed è perciò più adatto a lavorare di lima. Per il lavoro di seghetto spesso si fa ricorso a uno stocco apposito. Ha uno spessore costante ed é più sottile dello stocco normale, sulla superficie è tagliata una forma a chiave che facilita molto il supporto del pezzo da segare.

Il piano di lavoro, da cui sporge lo stocco, più che altro serve per appoggiarci vari attrezzi, come lame di seghetto, fresette, le vaschette con l'acido solforico e con l'acqua, la boraciera, gli oggetti in lavorazione ecc. Può essere rivestito di formica ma molti preferiscono che sia di legno massello o di multistrato. Questo piano ha una larghezza di circa 80 cm, una profondità di circa 50 cm ed è bene che abbia uno spessore di circa 4 cm in modo da poterci ricavare la sede per lo stocco e da avere abbastanza robustezza e rigidità per tenere botta a leggeri colpi di martello. 


Di solito si tengono sul banco anche due aiuti fondamentali: il cannello a gas e il micromotore per forare, fresare ecc. Se non si devono fare grandi saldature basta avere un piccolo cannello a microfiamma e un cannello un po’ più grande magari con bombolette camping gaz, già complete di impugnatura e accendifiamma piezoelettrico. Un motorino da modellisti con mandrino adatto alle fresette da 2,35 mm, che sono le più ben fornite di varietà di forme, può sostituire validamente apparecchi professionali molto più costosi.

Il posto di lavoro deve essere ben illuminato, conviene sistemare il banco se possibile di fronte ad una finestra per sfruttare quando possibile la luce del giorno.
Per ora vi ho detto quasi tutto..:)..ma tra pochi giorni continueremo con questo argomento e vi svelerò il nuovo progettino..:)

Un saluto grande a tutti..
..a presto..

2 commenti:

  1. Ho ricevuto Il premio “Liebster Award" dovevo scegliere 10 blog e ti ho citato perché mi piacciono molto le cose che crei!
    http://www.lecosedichiara-handmade.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Chiara..sono appena passata al tuo blog.:)..Sono felicissima per questa grande tua sorpresa..grazie grazie e sono contenta che ti piacciono le mie creazioni..ora vado a visitare anche gli altri blog scelti da te..:)..grazie ancora..

    RispondiElimina